Prima udienza al TAR, finalmente noti i veri dati sui morosi della mensa

Milano, 13/12/16

Stamattina prima udienza al TAR Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia, relativo al ricorso effettuato da alcuni genitori i cui figli e figlie frequentano, o hanno frequentato, la mensa scolastica, e dall’associazione nazionale CGD Lombardia, presidente Gianni Alberta.

Rosella Blumetti, genitore i cui figli hanno usufruito del servizio mensa fino a giugno 2016 – prima firmataria del ricorso – era presente all’udienza, insieme all’avvocato Livio Neri, che ha presentato il ricorso lo scorso novembre.
Attendiamo fiduciosi il richiesto provvedimento d’urgenza. Intanto leggiamo con attenzione la Memoria illustrativa per il comune di Corsico, depositata al TAR dagli avvocati difensori del sindaco solo un paio di giorni fa. Memoria di particolare interesse, perché permette di rivelare alcuni dati cruciali, dati richiesti da tempo da più parti, cittadini, cittadine, consiglieri di opposizione ma anche di maggioranza (nell’ultima commissione istituzionale) e ancora non rivelati.  I veri dati relativi a recupero del credito residuo del comune di Corsico verso i genitori morosi della mensa. Fino ad ora un mistero. Contraddittorio.

Ecco cosa riportavano alcuni giornali l’8/12/16, il giorno prima che la memoria venisse depositata: Il Giorno “Mentre i soldi rientrano nelle casse comunali e 1,2 milioni di crediti si sono ridotti a circa 180.000 euro”; Fanpage.it “Il sindaco diffonde i dati del recupero crediti dell’Amministrazione: i circa 1,2 milioni di euro vantati dalle famiglie si sarebbero ridotti a circa 180.000 euro”.
Invece no. Si legge infatti nella memoria degli avvocati del comune di Corsico: “Il debito risulta ancora pari a euro 864.753,34 (al netto dei versamenti previsti a carico delle famiglie che stanno adempiendo ai ‘piani di rientro’)”. Si tratta quindi di ben 864.753 euro!

 

É una cifra estremamente più elevata di quella che é stata riportata dai giornali di circa 180.000 euro. Come mai questa incredibile differenza? Dove sta la verità? Possibile che nel giro di pochi giorni escano dal Comune dati così diversi? Possibile che ancora il Comune non abbia fornito questi dati neppure ai consiglieri comunali che li hanno legittimamente richiesti da tempo?
Nel documento all.5 viene specificato anche che l’importo rateizzato dalle famiglie che é di 437.091,15, di cui sono stati incassati dalle rateizzazioni in corso 107.196,72 euro. Quindi, se la matematica non è una opinione, ben 534.859 euro non risultano né rateizzati né incassati, sono forse stati dimenticati?
Questi dati reali consegnati in tribunale – prima di oggi non resi pubblici – decretano il fallimento della politica discriminatoria attuata dal comune di Corsico nei confronti dei bambini e delle bambine i cui genitori erano morosi. Come abbiamo sempre sostenuto, i bambini non si toccano e non devono esser bersaglio di azioni di rivalsa che dovrebbero invece essere rivolte ai genitori, con un recupero credito fatto con determinazione ed usando tutti gli strumenti già noti e usati dagli uffici. Venga potenziato l’ufficio preposto, piuttosto, vengano celermente iscritti a ruoli tutti i crediti, ma basta, lasciate state bambini e bambine.

Fate tornare a mangiare sereni in mensa a scuola tutti i bambini e tutte le bambine.

cgd_lombardia_cs_13dic2016-page-001

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CGD, Comunicati Stampa, Diritto al cibo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...